Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione del lettore.

Accettando si acconsente all'uso dei cookie da parte del sito. Per saperne di piu'

Approvo

GORINKAI

Gorinkai vuol dire letteralmente "casa dei 5 Elementi" o "Anelli". Questi Elementi sono i 5 Elementi che tradizionalmente costituiscono l'Universo secondo la Filosofia Buddhista. Essi sono: Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Vuoto, Chi, Sui, Ka, Fu, Ku. Il Fondatore del Gorinkai è il M.° Gentetsu, il quale decise questo nome, durante un periodo di Meditazione , in Giappone, sul Monte Iwato, nel Reigando, cioè nella grotta dove Miyamoto Musashi trascorse gli ultimi tre anni della sua vita in Meditazione, e scrisse il Gorin no Sho (Libro dei 5 Anelli). Musashi fu il più grande guerriero di spada dell'epoca feudale giapponese, e seguì, tra l'altro, l'insegnamento spirituale del Maestro Zen Rinzai Takuan Soho. Dopo avere disputato e vinto più di sessanta duelli, il suo rapporto con la Spada cambiò e da "Spada che dà la Morte", divenne "Spada che dà la Vita". La Scuola di scherma da lui fondata ricevette il nome di Niten Ichi Ryu (Due Cieli Una Scuola).I principi tecnico-tattici e spirituali espressi da Musashi nel suo libro, hanno, successivamente, ispirato il M.° Gentetsu nella fondazione dello Zen Budo Gorinkai. All'interno di questo stile si ritiene fondamentale imparare a muoversi non soltanto secondo una modalità tecnica, ma secondo le modalità di movimento e di interazione tra i flussi di movimento degli elementi della Natura. Ku, rappresenta il Cuore Zen che li unifica.

Il nome Gorinkai, vuole però anche significare un profondo rispetto per la Natura e per il Principio fondante sulla base del quale essa si costituisce (Ku). Seguire questi principi, è seguire la Via (Do) del Gorinkai.

Attualmente, lo Shike del Gorinkai è divenuto Hozumi Gensho Roshi, mentre il M.° Gentetsu ne rimane il Presidente e Kaicho dello Zen Budo.

Lo Shike Hozumi Roshi ha riconosciuto il Gorinkai come Scuola di Pratica Zen, affiliata al Kyoto Kokusai Zendo (Ramo Myoshinji), autorizzando, il M.° Gentetsu all'insegnamento ed alla diffusione dello Zen Rinzai.